Roma, 16 aprile 2014 - Oggi il Parlamento Europeo, in seduta plenaria, con 539 voti a favore ha dato la propria luce verde alla proposta di direttiva per la riduzione del consumo di sacchi monouso presentata il 4 novembre u.s., confermando in toto le novità introdotte dalla Commissione Ambiente salute e sanità lo scorso 10 marzo 2014.

Per l’Italia e il suo sistema istituzionale e industriale si tratta di un importantissimo traguardo e riconoscimento: le misure adottate dal legislatore nazionale sono state “validate” dal testo di direttiva approvato oggi, che consente agli Stati Membri mantenere in vigore misure in deroga all’art. 18 della Direttiva imballaggi.

Ma il Parlamento si è spinto oltre! Riconoscendo le differenze esistenti nei Paesi Membri ha fissato un preciso target di riduzione all’utilizzo degli shopper pari al 50% in 3 anni rispetto ai volumi immessi nel 2010 e dell’80% in 5 anni.

Un secondo aspetto fondamentale è che viene riconosciuto in modo chiaro il principio di differenziazione tra le plastiche tradizionali e le plastiche biodegradabili e compostabili per il loro riconosciuto valore nella raccolta differenziata della frazione organica. Si prevede, inoltre, che tutti i sacchi frutta e verdura entro 5 anni dall’entrata in vigore della Direttiva debbano essere biodegradabili e compostabili o di carta riciclata.

Da ultimo, il Parlamento Europeo introduce un’importante innovazione volta a rendere fattivi gli obiettivi di riduzione del consumo di shopper: i sacchi cosiddetti riutilizzabili non potranno in alcun modo costare meno di quelli monouso. Ciò al fine di evitare possibili aggiramenti degli obiettivi di riduzione che sono il motivo fondante della direttiva.Shopper Bio in Rotolo Grinpack 200_1

Ne esce quindi completamente confermata la validità e l’importanza del modello italiano come esperienza pilota per l’intera Unione Europea. È qui il caso di ricordare che, secondo i dati di Plastic Consult, grazie alla normativa adottata nel 2011, il nostro Paese è riuscito a raggiungere una riduzione dell’ordine del 50% in tre anni del volume degli shoppers in circolazione, passando da 180 mila tonnellate nel 2010 a poco più di 90 mila nel 2013

Assobioplastiche sottolinea, di comune intesa con European Bioplastics, che l’adozione di questo modello è destinata a creare importanti opportunità occupazionali in tutta l’Unione Europea stimate in 100.000 posti di lavoro nell’arco dei prossimi cinque anni grazie all’attivazione di una filiera virtuosa ispirata ai principi dell’economia circolare.

****

Assobioplastiche – Associazione Italiana delle Bioplastiche e dei Materiali Biodegradabili e Compostabili – è stata costituita nel 2011 e rappresenta le imprese operanti, in Italia ed all’estero, nella produzione di polimeri biodegradabili e di prodotti finiti e nella gestione del fine vita dei manufatti realizzati con bioplastiche. Assobioplastiche ha sede a Roma ed è attualmente presieduta da Marco Versari.

www.assobioplastiche.org